Puntosi: in farmacia si può prenotare visite ed esami

Firenze – In farmacia non si acquistano solo medicinali, ma si possono prenotare visite, esami e attivare la Tessera Sanitaria.
Questo è possibile grazie all’Accordo tra Regione Toscana, l’Azienda USL Toscana Centro, l’Unione Regionale Toscana Titolari di Farmacie (U.R.T.O.F.A.R.) e la Confederazione Italiana servizi pubblici enti locali (CISPEL TOSCANA), consentendo ai cittadini un facile accesso ai servizi erogati. Si tratta di una nuova opportunità resa possibile  grazie all’adesione volontaria dell’80% delle farmacie presenti nei quattro territori dell’Ausl Toscana Centro (Firenze, Pistoia, Prato, Empoli). Tale disponibilità delle farmacie (sia pubbliche che private) consente l’erogazione di  più servizi socio-sanitari in maniera più omogenea in tutte le aree delle ex aziende sanitarie confluite nella Toscana Centro.

“PUNTOSI”: SERVIZI SEMPRE PIU’ VICINI AI CITTADINI, IN FARMACIA SI PUO’ PRENOTARE VISITE ED ESAMI

L’80% DELLE FARMACIE SUL TERRITORIO DELL’AUSL TOSCANA CENTRO HA ADERITO ALL’ACCORDO

I dettagli dell’Accordo sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla presenza del direttore amministrativo dell’AUSL Toscana Centro  Enrico Volpe, del coordinatore farmacie Pubbliche Confservizi CISPEL Toscana  Alessio Poli, del presidente U.R.TO.FAR e Associazione Sindacale titolari di farmacia della provincia di Firenze ed Empoli Marco Nocentini Mungai e dei presidenti Associazione Sindacale dei titolari di farmacia  Sandra Palandri e Gennaro Brandi, rispettivamente della provincia di Pistoia e Prato.

Le farmacie che hanno aderito all’Accordo sono in grado di garantire prenotazioni, disdette e modifiche, in tempo reale, di visite ed esami specialistici, nonché l’attivazione della Tessera Sanitaria. L’Azienda sanitaria mette a disposizione un software gestionale tramite il quale il cittadino può prenotare la prestazione, presentando la richiesta medica.

Le farmacie aderenti all’Accordo esporranno il logo Puntosi che identifica i servizi omogenei nella Regione Toscana.

 

Si tratta di un  accordo che avrà un impatto molto positivo sui cittadini di tutti i territori della nostra Asl – ha dichiarato Enrico Volpe – basti pensare che abbiamo 1milione e 500mila assistiti, 13 ospedali, 220 presidi territoriali e che abbiamo erogato quasi 4milioni di prestazioni nel 2016 durante il quale le farmacie sia pubbliche che private hanno messo a disposizione circa 500mila ore per le attività di prenotazione. L’Accordo che presentiamo oggi è un risultato importante anche perché andrà ad implementare l’attivazione della Tessera Sanitaria e del relativo fascicolo sanitario elettronico che ciascun cittadino potrà consultare comodamente da casa tramite internet. I servizi online rivolti al cittadino vanno velocemente avanti e noi tutti siamo qui insieme a favorirne il cammino grazie anche e soprattutto all’impegno  e alla dedizione di tutti gli operatori che lo rendono possibile“.

Oggi è la testimonianza di come l’Accordo siglato abbia avuto successo – ha commentato Alessio Poli – con oltre l’80% di adesioni. Il pregio più grande a cui il sistema delle farmacie pubbliche riunite sotto Confservizi Cispel Toscana ha creduto fin dall’inizio, è stato quello di rendere omogenei i servizi su tutto il territorio coinvolgendo l’intero settore e fissando condizioni operative e di sostenibilità uniformi. Sono importanti anche le modalità che hanno portato alla sua stipula dell’Accordo. Si tratta di un primo output di un tavolo permanente di confronto tra il settore delle farmacie pubbliche e private e la Regione Toscana, le cui potenzialità sono ancora tutte da scoprire, a vantaggio della territorializzazione dei servizi e quindi del cittadino. La parola d’ordine del tavolo regionale è “sinergia”, come per l’accordo sui servizi la logica del confronto è quella che tutti gli attori ne devono uscire vincenti, come in questo caso, dove a beneficiarne è il cittadino, che può godere di servizi efficienti e professionali a portata di mano, praticamente in ogni quartiere”.

Il personale delle farmacie aderenti all’Accordo è appositamente formato all’utilizzo del software gestionale e dotato di strumenti di supporto in modo che il sistema aziendale delle prenotazioni sia omogeneo. Inoltre, sarà messo a loro disposizione un numero verde per i servizi di help desk.

 

 

Scritto da Maria Antonietta Cruciata e Vania Vannucchi,
venerdì 10 marzo 2017